PROMESSI SPOSI

11 dicembre 2017

IL POETA E LA SOLITUDINE

Diceva Fernando Pessoa che essere poeta non è un'ambizione ma è una maniera di stare soli. Come si può subire passivamente lo sfacelo dell'esistenza sempre più deteriorata? Come si fa a stare insieme a propri simili che sono stati demoliti e ridotti a bestie selvatiche? Come si fa ad accettare la menzogna come miele della vita? Si origina una sorta di rigetto che porta alla solitudine, per difesa e per la salvaguardia di ciò che rimane d'accettabile. Per cui, la solitudine non è innata ma, come diceva Rousseau, si origina dalle esperienze quotidiane.

                                               

9 dicembre 2017

Ai miei amici Americani - To my American friends

LA GIOIA

Ritrovare
la gioia perduta
rimane
solo la memoria
e stringerla
forte forte
tra le braccia
per non perderla
mai più
troverò le parole
più belle
per tenerla con me
per tutta la vita.

J O Y

Find
the lost joy
remains
only the memory
and tighten it
strong strong
in my arms
not to lose it
never again
I'll find the words
most beautiful
to keep it with me
for all my life.

ANTONIO FLOCCARI

                                      

7 dicembre 2017

R I C H I E S T A

Se qualcuno di voi può, ora che sta per giungere il Natale, mi dia, per dono, il sorriso di mia madre: mi manca! La guardavo ed era Natale. Una luce della vita che si è spenta. Mi dia anche il tatto della mano di mio nonno che aveva le ondulazioni naturali del morbido tipico dell'amore. Ed ancora, il pensiero corre a mio fratello Peppe, anche lui, con la sua assenza eterna, rattrista le mie feste di fine anno. Mi dia, inoltre, l'innocenza che mi spingeva a frequentare i luoghi religiosi senza chiedermi il perché, le ragioni, e vi assistevo con il candore degli anni su cui, ancora, dovevano cadere le tegole pesanti dell'esistenza. Chiudo dandovi un augurio: vi venga a trovare l'onesta e stia con voi per sempre.

                                                
POLISTENA

6 dicembre 2017

STRAORDINARIA SEMPLICITA'

Un presepe addobbato con pastorelli fatti con l'argilla della fiumara, una piccola buca nel pavimento di casa per giocare con le noccioline, fichi secchi, castagne infornate, nel braciere acceso bucce di agrumi, un vecchietto con la zampogna ad annunciare il Natale: tutto con straordinaria semplicità. Nel giorno solenne si pranzava con rigatoni al ragù e polpette di carne di maiale. Non eravamo ancora sommersi dal consumismo dilagante che ha trasformato il Natale in un avvenimento edonistico per trarre profitto. E gli abeti venivano lasciati in pace, non venivano falcidiati per fare l'albero di Natale, usanza nordica che non ha nulla a che fare con le nostre contrade. 

                                              

5 dicembre 2017

SENTI A ME

Ti parlo con sincerità, accoglimi come vuoi. Se fossi in te non vedrei l'ora che questo putiferio di feste di fine anno vada via. Intanto, vivi i giorni fatali con straordinaria semplicità, continuando di alimentarti come ogni giorno, eviterai disturbi gastrici e di altra natura. Tranne qualche eccezione, tieni lontani i parenti, banalmente si dice che sono come i serpenti. E se vuoi trovare lo spirituale, vai nei campi e lo troverai in un fiore di siepe. Evita di accodarti a dare auguri, per la stragrande maggioranza sono falsi ed ipocriti. Ci vuole proprio: buona sopravvivenza!

                                                  

4 dicembre 2017

LA VOCE DEL SILENZIO

Nessuno riuscirà mai ad eguagliare la melodia del silenzio, sovrano della natura. Per sintonizzarsi con il silenzio è indispensabile possedere l'esprit de finesse, come dice Pascal. Il silenzio è un grande, fedele, amico: sta in simbiosi con l'artista, forma un tandem formidabile con il pensiero, dona benessere a tutto l'apparato biopsichico dell'uomo. Il silenzio conduce al sublime, come asseriva Immanuel Kant, è un toccasana contro il frastuono infernale del nostro tempo che conduce alla perdizione il sistema nervoso. Basta appartarsi, amare la solitudine, ed il silenzio arriva per tenerci compagnia anche nei momenti più tristi dell'esistenza. 

                                            

2 dicembre 2017

Ai miei amici Canadesi - To my Canadian friends

LA PENNA

Ogni sera
copro
la mia penna
con le cure
di chi vuol bene
è la compagna
della vita
le metto
un cuscino rosa
la saluto con carezze
con una buonanotte
melodia d'amore.

THE PEN

Every evening
I cover
my pen
with care
who loves well
she's the companion
of my life
I put it
a pink pillow
I greet it with caresses
with a goodnight
love melody.

ANTONIO FLOCCARI

                                               


IL POETA E LA SOLITUDINE

Diceva Fernando Pessoa che essere poeta non è un'ambizione ma è una maniera di stare soli. Come si può subire passivamente lo sfacelo de...