Morricone

15 maggio 2014

ALBERT CAMUS

Il legame intellettuale, umano tra Camus e me persiste da tempo. Quando l'incontrai con la lettura di "Lo straniero", rimasi subito colpito dal suo narrare secco, senza fronzoli, con la parlata comune, il dire della gente. Vediamo le categorie che mi ha trasmesso: stare appartato in un tempo reso utilitaristico, non rassegnarsi mai anche quando si è sicuri di perdere, lottare contro la sconfitta che attende tutti è il senso della vita, sapere che la vita continuerà senza di noi, come se non fossimo mai esistiti, e tuttavia profondere in ogni attimo l'energia che ci distingue nella natura. Ancora, sapere che la vita è assurda, collegandomi anche a Jean Paul Sartre, ad Heidegger, ma accettarla, e lottare da pari a pari.



ALBERT CAMUS

Nessun commento:

SENZA GUIDATORE

Hai saputo quanta gente è stata ricoverata in ospedale? Non c'è più posto. I guidatori, privati della gioia di condurre un'auto, so...