speranze

29 maggio 2014

DISOCCUPAZIONE

Carmelo è disoccupato, va verso i trent'anni e vede buio nel suo futuro. Se analizza complessivamente, con fare psicosomatico,  si imbatte in una serie preoccupante di problemi che lo assillano e lo condizionano. Quanto è negativo, per Carmelo, sentirsi impotente nella vita, un reduce, uno sbandato, un ghettizzato. Ha perso anche l'identità, si sente inutile. Il disorientamento convive con lui bloccando ogni intraprendenza, attività, relazionalità. E poi, somaticamente, avverte una colite spastica lancinante, provocata dall'insicurezza esistenziale; da qualche tempo, è assalito da vertigini per una circolazione del sangue irregolare con disaccordi con il cervello. Chi risarcirà mai Carmelo e milioni di giovani come lui?



Nessun commento:

Ai miei amici brasiliani - Para meus amigos brasileiros

S O G N O Dorme il mio paese in questa notte di giugno stellata sogna di trovare la pace mai avuta di non perdere i figli andati vi...