speranze

12 giugno 2014

UGUAGLIANZA

Chi sbaglia paga. Un assioma salomonico che, nel rispetto dell'uguaglianza, non può essere contraddetto. Il rispetto della Legge è fuori discussione e chi esercita l'iter merita la nostra stima. Parlo dei giudici che, per altri aspetti, sono essere umani come tutti gli altri. Non è legittimo che ci siano privilegi, coperture ingiustificate. Se sbagliano, applicando la Legge in maniera erronea, senza prove, senza legittimità, debbono pagare come tutti gli altri. L'indipendenza della Magistratura va salvaguardata, ma non trincerandosi dietro privilegi. Ha votato bene la Camera dei Deputati in questo senso. Non ha consentito il privilegio di non essere colpevole anche quando si sbaglia. E Renzi fa male ad esercitare due pesi e due misure: inflessibile verso i carcerati che languono disumanamente stipate in celle proibitive, opponendosi all'indulto e all'amnistia, e poi si dichiara favorevole per la difesa di privilegi che, nel nostro tempo, non hanno più senso.


Nessun commento:

Ai miei amici brasiliani - Para meus amigos brasileiros

S O G N O Dorme il mio paese in questa notte di giugno stellata sogna di trovare la pace mai avuta di non perdere i figli andati vi...