Morricone

30 dicembre 2016

T RA M O N T O

La dobbiamo finire di criticare i giovani negativamente: non è così. I giovani non accettano più le illusioni, le ipocrisie, il farsi prendere in giro da idee fatte a bella posta per strumentalizzarli. I giovani hanno capito ed è un non ritorno. Nel secolo scorso una moltitudine di giovani è stata mandata al macello a massacrare ed a farsi massacrare. I monumenti ai caduti delle varie località - non solo italiane - portano i loro nomi, morti per difendere gli interessi altrui, ingannati dalla retorica e dalla finzione. I giovani sono saggi, sono sensibili, sanno come stanno le cose, posseggono il senso critico, sono meditativi. Con la loro solitudine, con compagni la tecnologia, internet, possono raggiungere chiunque nel mondo, al di là di ogni confine, conquistando settori prima impensabili. E pagano le lacerazioni di un'epoca tramontata per sempre. Dove si andrà non è ancora chiaro. E' il nuovo ed inesplorato campo degli studi.

                                            

Nessun commento:

SENZA GUIDATORE

Hai saputo quanta gente è stata ricoverata in ospedale? Non c'è più posto. I guidatori, privati della gioia di condurre un'auto, so...