Morricone

17 luglio 2017

IL RISENTIMENTO

In tutte le epoche della storia il risentimento ha straripato allorché una crisi dilagante s'impadronisce della vita. Esiste una proporzione fra sentimenti negativi e società umana. Anche oggi, il risentimento inonda ogni aspetto della convivenza: non si ha più ritegno per nasconderlo, anzi lo si espone con mancanza assoluta morale. Nella politica si parla dell'avversario con un risentimento che rasenta l'inimicizia più spietata e se ne dicono e se ne sentono di tutti i colori. Il vocabolario linguistico che accompagna il risentimento è di uso frequente con termini aggressivi, pesanti, disumani. e così nei rapporti sociali, sui luoghi di lavoro, per strada, dappertutto. Questo è il tempo del risentimento.

                                                       

Nessun commento:

SENZA GUIDATORE

Hai saputo quanta gente è stata ricoverata in ospedale? Non c'è più posto. I guidatori, privati della gioia di condurre un'auto, so...