Morricone

3 agosto 2017

R A M M A R R I C O

Seguiamo questo personaggio sulla spiaggia, al mare, una folla di ombrelloni variopinti intorno. Sentiamo come pensa:"Mannaggia la miseria, mi verrebbe voglia di andarmene, di non stare in mezzo a questa gente.Vorrei corteggiare, conquistare come un don Giovanni. Ma come faccio, mi ritrovo con questa pancia penzoloni, con questo corpo che dell'umano giovanile conserva ben poco, sono un residuo, ciò che rimane. Altro che divertimento! Sono aggredito dall'amarezza, dal rammarico... Mi sento un vuoto a perdere, uno scarto. Mi conviene allontanarmi, andrò a fare il bagno tra gli scogli, là c'è nessuno che possa deridermi, provare pena per me".

                                           

Nessun commento:

COSTE INVIOLATE DEL SAPERE

Ulisse concepito da Omero, presente ancora oggi, ha caratterizzato tutte le epoche della storia dell'uomo attraverso la ricerca appassi...